Excite

Stilista di moda: la strada per diventarlo

  • LaPresse

Diventare il nuovo Giorgio Armani o l'erede di Valentino: ecco qual è il sogno dei giovani che intraprendono la carriera di stilista. Un mestiere difficile, dove oltre al talento sono necessarie molta perseveranza, passione e determinazione. La competizione infatti è altissima e anche se si riesce a entrare in una delle esclusive scuole che preparano alla professione, non è detto che poi si abbia successo. Se Project Runway non vi spaventa, ma anzi è la vostra trasmissione preferita, leggete qui quali sono i passi da fare per diventare stilista di moda.


Chi è lo stilista di moda
Lo stilista è il professionista che idea, disegna e realizza le collezioni di abiti. A lui spetta inventare linee e tagli, scegliere tessuti, abbinare colori in modo che ogni sua creazione sia unica e tutti i suoi capi siano attraversati da una coerenza stilistica che renda immediatamente riconoscibile il suo lavoro. Lo stilista è influenzato dalle tendenze sociali contingenti, le interpreta e dà vita ad altre nuove, in un gioco di specchi che esprime la vera essenza della moda. Nel suo lavoro può scegliere di essere imprenditore di se stesso, con una propria griffe, oppure consulente creativo di uno (o più) brand preesistenti. In tal caso deve riuscire a mixare il proprio stile con quello tipico del marchio di cui è espressione artistica. I suoi più preziosi collaboratori sono i cool hunter - coloro che 'scovano' le nuove tendenze, anche quando solo 'potenziali' - e i modellisti, i professionisti che danno vita alle idee dello stilista rendendole reali e palpabili.

Cool hunter: il cacciatore di stili, mode e tendenze


Requisiti per diventare stilista di moda
Avere passione per la moda non basta a diventare stilista. Bisogna infatti possedere anche una buona cultura generale, conoscere ogni tendenza 'sociale', essere curiosi, aperti e interessati a qualsiasi novità. Oltre a questo, poi, bisogna avere doti artistiche, spirito creativo, senso dei colori e dei materiali, capacità di leggere e interpretare le richieste del mercato e il cinismo sufficiente a dare vita a un marketing di successo. Da un punto di vista pratico, infine, saper disegnare in modo almeno discreto e avere una buona manualità sono requisiti fondamentali per intraprendere la professione.


Scuole, Università e Corsi per diventare stilista
Anche se in questo settore la pratica è il fattore discriminante per diventare o meno uno stilista di successo, la formazione scolastica e accademica è necessaria per intraprendere questa attività affascinante. A studiare per diventare stilista di moda si può iniziare fin dalle superiori, iscrivendosi a un Istituto Professionale con indirizzo produzioni industriali e artigianali oppure al Liceo Artistico con indirizzo Design. Successivamente si può scegliere di frequentare uno dei corsi di formazione finanziati dalle regioni per diventare Stilista- Figurinista oppure iscriversi all'Università. L'offerta in questo caso è veramente ampia e tra le realtà più prestigiose si segnalano l'Accademia di Belle Arti Lorenzo da Viterbo (ABAV), la Nuova Accademia di Belle Arti di Milano (NABA), le Accademie di Belle Arti di Brera, Frosinone, Palermo, l'Accademia Internazionale d'Alta Moda e d'Arte del Costume 'Koefia' e la Scuola Nazionale di Cinema di Roma, il Polimoda di Firenze, il Politecnico, l'Università privata LED e lo IULM di Milano, cui se ne devono aggiungere molte altre ancora. Per conoscere l'elenco completo dei corsi riconosciuti, si rimanda al sito miur.it.


Un'esperienza all'estero: la marcia in più
Al giorno d'oggi, un'esperienza all'estero è una marcia in più in qualsiasi settore lavorativo e a maggior ragione in un mondo multietnico e multiesperienzale come quello della moda. Se siete pronti ad affrontare un iter di selezione durissimo e a sostenere dei costi non indifferenti, il Royal College of Art e il College of Style di Londra, l'ESMOD di Parigi e la PARSONS - The New School for Design di New York rappresentano quanto di meglio può offrire il panorama della formazione internazionale.


Last but not least... Per iniziare
Dal momento che fare esperienza è fondamentale in questo settore - sia da un punto di vista pratico che relazionale - la cosa migliore per chi vuole diventare stilista è iniziare subito la gavetta: presso una sarta, un atelier artigianale o nell'ufficio di qualche azienda che si occupa di moda (piccola o grande che sia). L'importante è sperimentare, vedere, imparare, confrontarsi, conoscere e farsi conoscere. Allestire un proprio book, organizzare delle piccole sfilate, partecipare a fiere di settore per essere sempre aggiornati sulle ultime tendenze, sono poi trucchi utili a farsi ricordare e magari, chissà, un giorno essere chiamati a collaborare con questa o quella grande casa di moda.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017