Excite

Lo shopping? Allunga la vita

Le shopaholic festeggiano: una ricerca dell'Institute of Population Health Sciences di Taiwan ha dimostrato che lo shopping fa bene alla salute e allunga la vita. Lo studio, pubblicato sul Journal of Epidemiology Community Health, che ha seguito le abitudini quotidiane di circa 2mila uomini e donne con più di 65 anni di età, ha infatti dimostrato che chi fa almeno un acquisto al giorno ha il 27% in meno di probabilità di morire di chi solo raramente si concede un regalo. I motivi di questa maggiore salute sarebbero collegati al benessere piscologico e fisico dello stare in compagnia e dell'attività motoria che caratterizzano le ore di shopping.

Una bella rivincita per tutte quelle donne che di solito devono trascinare fidanzati e mariti svogliati da un negozio all'altro, tanto più se si considera che le maratone di acquisto gioverebbero soprattutto agli uomini, almeno secondo i dati raccolti dagli studiosi di Taiwan. Ma una volta scoperto che lo shopping fa bene, c'è modo di massimizzarne gli effetti positivi? Ebbene sì. Un'altra recente ricerca (evidentemente la primavera ha effetto anche sugli scienziati, spingendoli a studi più "frivoli") ha infatti stilato un elenco di 8 regole per realizzare uno shopping dagli effetti superpositivi e salutari.

Shopping d'annata al Vintage Workshop @Bologna for Luxury Fashion

I trucchi per comprare e sentirsi bene sono stati messi a punto dai ricercatori delle prestigiose University of British Columbia, Harvard University e University of Virginia e partono da un presupposto fondamentale: l'esperienza è meglio del possesso. Il primo consiglio è quindi quello di regalarsi un viaggio o uno spettacolo piuttosto che un oggetto perché, come spiega Elizabeth W. Dunn, coordinatrice dello studio: "torniamo più spesso con la mente a un concerto o a un'escursione piuttosto che a un paio di scarpe. D'altronde, le esperienze sono intimamente connesse alle nostre identità e al tempo che passiamo con gli altri, che alla fine sono la nostra più grande fonte di gioia".

Un altro punto fondamentale per essere felici facendo shopping è quello di comprare per gli altri: vedere qualcuno contento per un regalo ricevuto avrebbe un effetto positivo addirittura a livello neuronale, accendendo aree del nostro cervello associate alla gratificazione. Ma attenzione, gli acquisti non devono essere spropositati: secondo i ricercatori infatti meglio piccoli piaceri che "colpi di testa". In questo modo possiamo concederci tante cose che ci mettono al riparo dal rischio dell'abitudine e della noia. Le spese modeste eviterebbero anche la trappola della garanzia, solitamente applicata ai prodotti di grande valore, che però toglierebbe il vero piacere dell'acquisto.

Shopping con il trucco: i camerini con gli specchi dimagranti

Nemici del buono shopping anche la carta di credito, perché secondo gli studiosi "elimina del tutto il meccanismo dell'anticipazione, che è una fonte di felicità gratuita", l'acquisto di beni troppo impegnativi - anche qui è in agguato la noia dell'abitudine - e la ricerca esasperata del prezzo migliore. Voler fare l'affare perfetto toglierebbe magia e piacere allo shopping. E infine, il consiglio più importante: se comprate per colmare un vuoto, fermatevi e chiamate un amico. Una bella chiacchierata vi aiuterà mille volte di più nella vostra ricerca della felicità.

Foto: welcome2nyc.com

lei.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017