Excite

Saldi estivi: arriva il "sabato d'oro", ulteriori sconti

  • infophoto

I saldi non decollano, così dopo i weekend di sconti ai distributori di benzina, anche i negozi di abbigliamento sembrano avviati sulla strada dei fine settimana low cost. Il Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dell'Ambiente e dei Diritti degli Utenti e dei Consumatori (Codacons) ha infatti proposto ai negozianti di lanciare il 'sabato d'oro', una giornata di ulteriori ribassi su quelli già praticati.

Dal monitoraggio in tempo reale delle vendite nelle principali città della penisola durante il primo giorno di saldi, è apparso infatti evidente che la crisi sta scoraggiando gli italiani dal fare acquisti: "Questa mattina i cittadini hanno preferito il mare allo shopping", ha dichiarato il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, che ha spiegato che rispetto al 2011 il calo delle vendite è stato in media del 20%, con picchi del 25% nei piccoli negozi e percentuali più contenute negli outlet e nei centri commerciali, tra il 5 e l'8%.

Tengono invece le grandi firme, grazie soprattutto ai turisti stranieri, disposti anche a lunghe ore di coda sotto il sole per aggiudicarsi un capo griffato: "Tra ieri e oggi code di acquirenti si sono viste solo davanti ai negozi delle grandi firme, costituite però in prevalenza da turisti stranieri", ha confermato Rienzi. Che fare, allora?

"Per spingere i cittadini a effettuare qualche acquisto in più e aumentare il giro d'affari nel settore del commercio", suggerisce il presidente del Codacons, una soluzione potrebbe essere quella di effettuare "sconti aggiuntivi del 20% sui saldi già praticati, nelle sole giornate di sabato, dalla prossima settimana fino a fine agosto", creando una specie di 'evento', un appuntamento dall'appeal se non irresistibile quasi.

Ma basterà? Gli italiani, infatti, sono sempre più poveri e l'abbigliamento è la prima voce sulla quale intervengono per far quadrare i conti, come rilevato dall'indagine statistica di Coldiretti/Swg, secondo la quale il 51% di loro ha rinunciato, rimandato o ridotto l'acquisto di capi di vestiario, nonstante la scelta di continuare a spendere per i figli: in questo caso, infatti, il taglio è 'solo' dell'11%.

E se non è detto che il 'sabato d'oro' basti a convincere i consumatori a togliersi lo stesso qualche sfizio, c'è anche da capire se e come l'iniziativa sarà recepita dai commercianti, che a loro volta vedono diventare sempre più sottili i propri incassi e non è 'scontato' che accettino di decurtarli di un ulteriore 20%.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018