Excite

Paris Hilton apre un negozio di abbigliamento a La Mecca ed esplode la polemica sul web

  • parishilton.com

Qualunque cosa Paris Hilton dica o faccia, difficilmente passa inosservata, figurarsi se decide di aprire un negozio di abbigliamento e accessori a La Mecca. La trentunenne ereditiera della catena di hotel di lusso ha infatti inaugurato la scorsa settimana il nuovo store della sua linea Paris Hilton Collection – Clothing Line (brand semi low cost, pensato per un target di giovanissime) proprio nella città santa per antonomasia dei musulmani, sollevando un polverone.

Paris Hilton, tutti i look dell'ereditiera più chiacchierata del pianeta

E' la stessa Paris a cinguettare entusiasta la notizia su Twitter: "Amo il mio meraviglioso negozio che ha appena aperto a La Mecca", aggiungendo subito dopo: "E' il quinto in Arabia Saudita e il quarantaduesimo in totale. Sono così orgogliosa che il mio marchio stia crescendo", suscitando però l'immediata reazione degli internauti, che in gran numero hanno criticato la sua mossa, giudicandola inappropriata per il contesto.

Paris Hilton sensuale e dark per V Magazine

L'osservazione che ricorre più spesso, come riporta la versione online del giornale Al Arabiya News, è: "Se la religiosità è così importante a La Mecca, perché si permette alla Hilton di aprire un negozio?". Domanda che - almeno su Twitter - non sembra trovare risposta, anche se non tutti sono contrari all'inaugurazione del negozio nella celebre Makkah Mall della città santa. Sempre Al Arabiya News, infatti, sulla pagina Facebook della galleria scova anche commenti se non positivi, quantomeno possibilisti: "Perché l'attacco? Si tratta di un marchio globale che si può trovare ovunque, in un paese arabo come in uno europeo", scrive un utente, e un altro nota con oggettività: "Chi in questo vede un'invasione del mondo arabo da parte di quello occidentale non dovrebbe acquistare nè commercializzare prodotti che da esso provengono. Ma censurare l'apertura del negozio della Hilton e poi comprare qualunque cosa arrivi dall'Europa e dall'Occidente è ipocrita".

La questione è aperta e difficilmente potrà essere sanata, anche se una certezza in questo putiferio c'è: la polemica scatenatasi intorno all'apertura del nuovo negozio di Paris Hilton ha portato all'ereditiera e al suo store una pubblicità non solo impagabile, ma pure gratuita, con buona pace di tutti coloro che vedono nello store della Makkah Mall un'offesa allla storia e al significato della città santa.

lei.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017