Excite

Modelle sfigurate dall'acido posano per la nuova linea di moda promossa da "Stop Acid Attack"

  • Facebook Rahul Saharan

“Stop Acid Attack”, questo il richiamo delle modelle indiane sfigurate dall'acido che hanno posato per una nuova linea di moda della designer Rupa Saa. Loro sono Rita, Sonam, Laxmi e Chanchal e le loro storie affondano nella tragedia delle violenze subite e dei loro volti sfigurati dall'acido. La designer stessa, Rupa, ha riportato delle ferite molto gravi ed estese quando la sua matrigna le ha gettato dell'acido in faccia mentre lei stava dormendo. Il fatto risale al 2008 e Rupa non ricevette soccorsi medici per più di sei ore, prima che lo zio la trovasse e la portasse in ospedale. Dopo questo evento Rupa ha dovuto sottoporsi a ben undici operazioni e tre mesi di degenza ospedaliera per tornare quasi normale.

Guarda lo spot shock sulla lapidazione del marchio italiano Pakkiano

Rupa e le altre donne sfigurate dall'acido hanno visto i loro sogni infranti contro al muro dell'ignoranza e delle credenze sbagliate. La ragazza, dopo l'aggressione, ha cambiato il so cognome dopo che il suo stesso padre ha sostenuto la matrigna e la sua azione disumana che l'ha resa una senza volto, una figlia senza futuro. La donna che ha commesso questo orrendo crimine è stata per 18 mesi in carcere, dopodiché è stata liberata e Rupa vuole giustizia per lei e tutte le altre donne dell'associazione “Sto Acid Attack”, che cerca di impedire la libera vendita dell'acido in India.

Rupa oggi ha 22 anni ed è una stilista, al Daily Mail ha confessato che ha “sempre voluto fare la stilista ma dopo l'attacco c'è stata una pausa nella mia vita. Ero così insicura e le mie cicatrici mi imbarazzavano tanto che coprivo la mia faccia con una sciarpa”. Rupa però non si è arresa e racconta che si “è sempre aggrappata” al suo sogno e continua dicendo che “non avrei mai immaginato che un giorno sarebbe stato possibile e avrei lanciato la mia linea personale”.

Attualmente “Stop Acid Attack” sta sostenendo Rupa per raccogliere abbastanza soldi così che lei possa aprire la sua personale boutique a Delhi. Chhaon, la promotrice dell'associazione per la lotta all'acido, è stata di grande supporto alla giovane stilista, chiamando Rahul Sharan e la sua macchinetta fotografica ad immortalare i vestiti disegnati da Rupa indosso alle donne sfigurate dall'acido. Immagini di donne forti che, ogni giorno, con i loro volti sfigurati, affrontano il mondo a testa alta nonostante le terribili violenze che hanno dovuto subire.

lei.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017