Excite

Miss Italia: sì alle taglie 44 e nuova sede

Quando si parla di Miss Italia si parla della storia di Italia e della sua bellezze al femminile, chiaramente, che da sempre sono state universalmente apprezzate dalla Loren alla Lollobrigida passando per la Mangano fino alle più recenti Cucinotta e Bellucci. Così tutto ciò che riguarda Miss Italia non può passare inosservato o lasciare gli accaniti telespettatori, che ogni anno si sintonizzano sui canali Rai per seguire l’amata manifestazione di bellezza, o i semplici “curiosi” impassibili.

Foto la Collezione di H&M dedicate a donne con taglie più "normali"

Il concorso di bellezza Miss Italia ormai da anni si associa a due nomi: la città che ospita l’atteso evento nazionalpopolare cioè Salsomaggiore Terme e lo storico organizzatore di questo happening tricolore vale a dire Enzo Mirigliani e la sua famiglia che dal 1959 fa in modo che ogni anno anche l’Italia abbia la sua Miss a rappresentarla nel mondo. La prossima edizione vedrà alcuni importanti cambiamenti che probabilmente a qualcuno faranno storcere il naso ma che ad altri invece faranno molto piacere in particolar modo uno. Partiamo forse dall’elemento “meno” importante. Salsomaggiore non sarà la sede dell’evento per il 2011 dopo una querelle che ha visto in campo anche il sindaco della città in provincia di Parma. Ma forse poco lascia il segno tale notizia nel grande pubblico che forse è più interessato nella possibilità di continuare ad ammirare le bellezze in gara a prescindere dal luogo d’Italia dove si contenderanno il podio.

L’altra novità forse più importante che giunge per bocca della moglie del patron della manifestazione, Patrizia Mirigliani è che dalla prossima edizione Miss Italia aprirà a concorrenti taglia 44. Si avete sentito bene taglia 44. L’organizzazione infatti della manifestazione così seguita dagli italiani vuole mandare un messaggio forte e chiaro a modelli di bellezza troppo esili, irraggiungibili e inattuali alla maggior parte delle donne ma soprattutto delle ragazze così influenzabili da certi pretesi standard di magrezza che le passerelle impongono da finire spesso putroppo in un vortice più grande di loro che si chiama: anoressia e purtroppo è nella mente di tutti le immagini della modella immortalata da Oliviero Toscani: Isabelle Caro, deceduta recentemente proprio per questa grave disfunzione psichica.

foto: missitalia.rai.it

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017