Excite

Miss Italia 2013 t-shirt "Né nude, né mute" vs Boldrini, che apprezza: "Divertenti". Patrizia Mirigliani rinnova invito

  • Foto©Saggese-La Malfa (Ufficio Stampa Miss Italia)

Silvia Artana

Miss Italia ha preso ufficialmente il via lunedì 14 ottobre e, all'insegna del tormentone che sta accompagnando l'edizione 2013, le concorrenti hanno posato per la prima foto di rito sulla scalinata indossando una t-shirt con su scritto: "Né nude, né mute". Un chiaro riferimento alla frase pronunciata dal Presidente della Camera Laura Boldrini quando, plaudendo la decisione della Rai di non trasmettere il concorso, aveva auspicato che "le ragazze italiane per farsi apprezzare possano avere altre possibilità che non quella di sfilare con un numero": "Solo il 2% delle donne in televisione esprime pareri, parla. Il resto è muto, a volte svestito", era stato il suo commento.

Miss Italia 2013, dalla t-shirt contro Boldrini alle selezioni: le foto più belle

Miss Italia 2013, calendario prefinali e finali: appuntamento a Jesolo il 14 ottobre

La polemica è andata avanti, con Patrizia Mirigliani che ha invitato il Presidente della Camera a partecipare alla manifestazione e Boldrini che ha risposto in privato con "dei civili e affabili messaggi scritti" - come ha spiegato l'organizzatrice della kermesse - fino a ieri quando, ospite a Otto e mezzo, è tornata pubblicamente sull'argomento, proprio per via delle magliette: "Trovo divertenti le t-shirt indossate dalle ragazze di Miss Italia, mi fa piacere ci sia stata una reazione spiritosa", ha detto infatti l'ex portavoce dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

Miss Italia 2013 su La7: la finale in diretta tv da Jesolo con Ghini, Bocci e Chillemi

Boldrini ha quindi 'svelato' il contenuto del carteggio tra lei e Mirigliani, spiegando che il suo no (almeno ufficialmente) non è legato a preclusioni di sorta, ma ai suoi doveri istituzionali: "Patrizia Mirigliani mi ha scritto una lettera d'invito a Miss Italia", ha dichiarato a Lilli Gruber, "ho risposto che per me sarebbe stato difficile, ma che ci sarebbe stata certamente un'altra occasione". "Mi ha comunque fatto piacere", ha concluso il Presidente della Camera. Nessun gran rifiuto né ostracismo alla trasmissione da parte di Boldrini, dunque, ma la più classica agenda fitta di impegni, anche se per i soliti malpensanti resta una scusa: ottima e diplomatica, ma pur sempre una scusa.

Da parte sua, invece, Patrizia Mirigliani ha confermato la sua classe e il suo essere una donna di grande temperamento senza mai uscire dalle righe con un elogio alla trovata delle aspiranti Miss e un nuovo invito al Presidente della Camera. Dopo aver spiegato che la t-shirt è stata una "manifestazione di disagio espresso dalle ragazze a favore della libertà delle donne" e avere ribadito che "a Miss Italia esiste la libertà di espressione" e che "questa azione la dice lunga sulle ragazze del concorso: giovani che studiano, lavoro e si applicano, e si vogliono mettere liberamente in gioco anche su un aspetto del quale non c'è da vergognarsi, la bellezza", l'organizzatrice del concorso ha detto: "Mi fa piacere che anche la presidente della Camera Laura Boldrini abbia considerato divertente la trovata di alcune ragazze del concorso di essersi scritte sulle magliette la frase 'Né nude, né mute'", rilanciando sulla sua partecipazione alla manifestazione.

"Le rinnovo l'invito che le avevo mandato nero su bianco. Venga a trovarci", ha affermato infatti, aggiungendo che "sarebbe un bell'atto di intraprendenza che solo noi donne sappiamo fare, un connubio con le 186 ragazze, i loro genitori e tutto il nostro staff". "Lei può rappresentare un importante esempio in cui le doti di una donna danno luogo ad azioni importanti al servizio della gente", ha concluso Mirigliani. E di fronte a tanta determinazione, forza e dignità, che descrivono in maniera impeccabile una femminilità tutt'altro che nuda e muta, potrà Boldrini fare finta di niente?

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019