Excite

Milan Fashion Week: Ferrè

Una vecchia foto con la tromba di Louis Armstrong ritrovata nella polverosa libreria dell'Architetto. Così la coppia di stilisti Tommaso Aquilano e Roberto Rimondi raccontano l'ispirazione sottesa alla collezione primavera estate 2011 di Gianfranco Ferrè, quel magico jazz capace di incantare, rilassare, divertire. E mentre WWD pubblica l'indiscrezione che sarà Samsung ad acquisire il marchio, i nuovi abiti della griffe sfilano con fierezza alla Milano Fashion Week.

Le foto della sfilata primavera estate 2011 di Gianfranco Ferrè

Una collezione armoniosa come una piacevole sinfonia, preziosa ma indossabile, che si discosta parzialmente dallo stile architettonico del maestro per esplorare nuovi territori, che i nostalgici del buon vecchio Ferrè non apprezzeranno. Largo uso del plissé, anche soleil, vestitini stile Marylin per il giorno e abiti lunghi, sensulissimi, per la sera, con veli di seta e chiffon intarsiati da nastri in pelle nera a contrasto sul bianco, o dal pitone naturale sullo splendido color nudo.

Maxy cinture rigide come cilindri, in pelle nera o in tessuto, strizzano la vita come corazze, mentre il macramè incrostato di cristalli crea pezzi veramenti splendidi: e qui il tocco di Gianfranco Ferrè rivive, come nel sapiente uso della pelle, intrecciata, plissettata e declinata in abiti ad effetto canestrato. Paillettes e pietre colorate decorano all over completi preziosissimi, alternativa più giovanile e meno impegnata (si fa per dire) agli abiti lunghi da gran sera. E' la primavera estate 2011 di Ferrè, una fresca ventata di ottimismo sul futuro della griffe.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020