Excite

Mila Schon mette l'arte sulla cravatta

  • schontess.it

La moda è arte? La domanda interessa e accende discussioni e dibattiti da tempi memorabili, ma a oggi non ha ancora trovato una risposta certa e incontrovertibile. Se da un lato infatti le scarpe scultura della giovane e talentuosa shoes designer Victoria Spruce sembrano far propendere per il sì, dall'altro le discutibili incursioni di questo o quel vip nel mondo del fashion system in qualità di stilisti accreditano la risposta contraria.

Un po' scarpa, un po' scultura: le shoes di Victoria Spruce

Una soluzione capace di mettere tutti d'accordo la propone allora Mila Schon, per la quale se non è arte, la moda quantomeno prova a imitarla e di sicuro la celebra. Da questa considerazione nasce infatti l'ultima collezione di cravatte della maison fondata nel 1958 dalla grande stilista italiana, paladina di uno stile elegante, sobrio e raffinato.

Filo conduttore della capsule collection sono i grandi artisti che hanno vissuto tra fine ottocento e il novecento - con un'incursione nella modernità contemporanea rappresentata da Kenneth Noland, pittore statunitense mancato a gennaio del 2010 - che prestano ai preziosi tessuti e alla fattura di pregio delle cravatte di Mila Schon i colori, i tratti e le suggestioni delle loro più grandi opere.

Le creazioni della maison milanese si arricchiscono così dei progetti delle sculture cinetiche di Alexander Calder, dei buchi e dei tagli sui quali si basa il movimento spazialista di Lucio Fontana, del simbolismo evocativo delle figure iconoclaste di Gustav Klimt, della colorata e modulare Op Art di Victor vasarely, dell'espressionismo astratto di Noland e della creatività pittorica di molti altri, in un omaggio all'arte che è allo stesso tempo tributo e dichiarazione di intenti.

lei.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017