Excite

Curve in copertina e le vendite decollano

Modelle anoressiche addio (forse). Per ora la strada virtuosa delle curve al posto giusto è stata intrapresa da tre famosi magazine, Brigitte, Essential e Look, e la scelta sembra pagare. Un'indagine condotta da The Guardian, che ha comparato i dati di vendita delle tre testate, ha infatti dimostrato che da quando le riviste hanno iniziato a pubblicare in copertina foto di donne "normali" le copie vendute sono aumentate esponenzialmente.

La top model Crystal Renn parla dei suoi disturbi alimentari

Un dato che ha fatto riflettere gli editori. Ali Hall, di Look, ha spiegato che la politica del giornale era di inserire nei servizi top "taglie forti" ogni sei/otto settimane, ma che "da circa cinque mesi abbiamo cominciato ad usare modelle curvy ogni settimana e la risposta è stata incredibile". Stessa cosa è capitata a Essential, che ha visto la sua scelta ripagata con un +12% sulle vendite, e a Brigitte, il primo magazine a realizzare copertine con donne "reali" nel 2009. Un'inversione di tendenza che fa ben sperare per il futuro, soprattutto alla luce del perdurare del culto della magrezza eccessiva fra le mannequin, visto di recente anche alla settimana della moda di Milano.

Stephanie Naumoska, quando la magrezza diventa malattia

Se come dice l'editor Jules Barton-Breck: "le nostre nostre lettrici vogliono modelli più realistici e positivi", allora è il caso che tutti i giornali di moda rivedano i propri impaginati e pensino a proporre donne più vicine al sentire comune, come per esempio quelle che compongono il gruppo Curvy Can (che tradotto significa all'incirca "formose si può"). Nato dall'idea di Miriam Bon, Aija Barzdina, Eleonora Finazzer, Valentina Fogliani, Elisa D'Ospina e Marina Ferrari, sei modelle conosciutesi tra backstage, provini e sfilate, Curvy Can si propone di "bandire la magrezza a tutti i costi dalle passerelle della moda", come racconta Miriam Bon al settimanale Gente.

Guarda le modelle del gruppo Curvy Can

Un programma che coinvolge in primis le adolescenti, tra le quali le sei top sanno che si annida maggiormente il rischio dei disturbi alimentari: "Abbiamo cominciato nelle scuole, incontrando le ragazze e spiegando loro che una vera bellezza è quella che nasce da un'alimentazione sana e completa. A fine mese saremo a Roma, Bologna e Catania per incontrare i ragazzi in pub, locali, discoteche" spiega Valentina Fogliani, finalista a Miss Italia 2001, che anticipa anche i progetti futuri del gruppo: "stiamo studiando un format per Sky, un reality, cui parteciperanno ragazze robuste per sfondare nel mondo della moda". Un reality che, per la prima volta, parlerebbe della realtà.

Foto: vogue.it

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017