Excite

La modella musulmana si unisce al coro #notinmyname: 'Gli islamici non sono tutti terroristi'

  • Instagram

Sono tante le opinioni che stanno circolando in questi giorni: tra stampa e social ognuno si sente quasi in dovere di dire la sua. E sembra che, improvvisamente, siano diventati tutti politologi ed esperti di politica internazionale. La strage di Parigi ha scosso il cuore dell’Europa e portato nella nostra quotidianità quello che, in realtà, succede da lunghissimo tempo in Paesi un po’ più distanti.

Ma come spesso accade, quando ci si mette a fare dietrologia da bar, si finisce in un fascio senza saper più distinguere l’erba buona da quella cattiva. Su Twitter sono tante le foto e gli hashtag che accompagnano i messaggi di tanti musulmani: "Not in my name". Ché l’islamismo è una cosa, gli estremisti e il fanatismo che sfocia in terrorismo un’altra.

Lo racconta Ahlam El Brinis, la modella che abbiamo visto protagonista dell’ultima edizione di Miss Italia. Cittadina italiana, una musulmana che subisce sulla sua pelle minacce per aver dato una piega occidentale alla sua vita. E adesso racconta l’Islam dalla parte di chi crede ma si arma di fede, non di cinture esplosive: “Sono rimasta scioccata da quanto è successo. Non capisco come si possa fare tutto questo dicendo di agire in nome della religione. Non c'entra la religione - continua Ahlam - qui c'è qualcos'altro. Il Corano dice che se uccidi una persona, uccidi tutta l'umanità, quindi la religione è solo un pretesto per nascondere che non so cosa possa essere, ma di certo chi crede in Dio non fa questo”.

Rischio per Piazza San Pietro, Duomo di Milano e Scala

Quando la ragazza ha superato le selezioni per accedere al concorso di Salsomaggiore e coronare un sogno che sospirava sin da bambina, da quando restava incollata alla tv vedendo sfilare quelle ragazze così belle e sorridenti, sui social sono partite minacce del tipo “Ti servirà la scorta” più offese di vario genere da parte di chi sostiene che mettersi in mostra così è un’offesa e un disonore nei confronti della religione di Maometto. Ahlam replicò allora e risponde anche oggi a quanti guardano con gli stessi occhi di discriminazione persone che appartengono ad una stessa religione ma non alla stessa mente esaltata e violenta.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017