Excite

Isabella Ferrari, causa a Yamamay per l'ombelico scomparso

  • YouTube

Da testimonial a promotrice di una causa legale: Isabella Ferrari è in lotta con Yamamay per una pubblicità del 2011 dove un uso - anzi, per meglio dire, un abuso - di Photoshop l'ha trasformata nello zimbello dei media e sopratutto del web, che come si sa in certi casi non perdona. A maggior ragione perché l'attrice si dichiara da sempre impegnata contro un utilizzo 'improprio' dell'immagine femminile.

Isabella Ferrari per Yamamay: il video dello spot 'incriminato'

Motivo del contendere lo spot girato dal regista Paolo Sorrentino per celebrare i 10 anni di vita del marchio di lingerie: l'idea era di realizzare una pubblicità "sulle splendide cinquantenni" e per questa ragione venne chiamata Ferrari, che come precisò poi l'azienda durante la conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa, rifiutò di essere 'aggiustata' per "mostrarsi per quello che è". Linea di pensiero ribadita dalla stessa interessata, che all'epoca spiegò: "Hanno voluto una donna con una storia, un'età. Anche con dei difetti...".

Calendario Yamamay 2013: modelle in intimo per 12 mesi

Già, peccato che in post produzione qualcuno ritenne opportuno fare comunque qualche 'ritocchino' all'attrice, che alla fine diventò una splendida cinquantenne... Senza ombelico. Un errore che venne subito notato e che, per l'appunto, scatenò la presa in giro di giornali e rete, facendo infuriare l'attrice.

Così, a quello che si apprende oggi, Ferrari è impegnata in una battaglia legale con Yamamay, anche se intervistata telefonicamente da Il Corriere ha negato una correlazione tra la decisione di trascinare in tribunale l'azienda di lingerie e la questione-ombelico. "C'è una causa in corso da due anni, se n'è occupata la mia agenzia: non è stato rispettato il contratto che avevo firmato", ha infatti dichiarato l'interprete di Sapore di mare, chiarendo che "sono in corso delle contestazioni a oggi non ancora sfociate in controversia giudiziale, tra l'agenzia che cura la mia immagine, Why Not Models, e la Yamamay per motivi attinenti ad alcune violazioni contrattuali", ma specificando che dette violazioni "non attengono in alcun modo al contenuto dello spot".

Insomma, l'impressione è che gli interessati, per ragioni evidentemente opposte, vogliano "silenziare" (per usare un termine di gran moda in questo periodo) l'abuso di Photoshop, pur non rinunciando al volano pubblicitario rappresentato dalla questione, come ha dichiarato espressamente l'amministratore delegato di Yamamay, Gianluigi Cimmino. Dai Caraibi, dove si trova in viaggio di nozze, l'uomo ha infatti commentato: "È un grandissimo risultato per Yamamay e per le donne che dopo oltre un anno dalla messa in onda si continui a parlare del nostro spot con Isabella Ferrari", aggiungendo non senza un pizzico di polemica: "Invitiamo Isabella a sfilare per una buona causa allo Yamamay Fashion Show del prossimo 19 febbraio a Milano, mostrando in tale occasione dal vivo il suo adorabile ombelico".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017