Excite

Intimissimi nella bufera, la storia di Shlomit Malka crea polemiche: "Volevo fare la ricercatrice ma ora sono modella" - VIDEO

  • Facebook

di Simone Rausi

Ognuno di noi è una storia. Una storia fatta di esperienza, di anni vissuti, di occasioni colte o mancate. Alcune di queste storie possono essere più o meno belle. Altre possono stare proprio sul… gozzo (ma mettete pure il sostantivo che più preferite). La storia di Shlomit Malka, nuovo volto di Intimissimi, è una di queste. D’altronde quando dichiari di aver studiato per voler fare la ricercatrice e finisci col balconcino push up nei 6X3 di ogni città devi metterlo in conto….

Intimissimi: il nuovo spot mozzafiato con la sexy Blanca

Tutto nasce a partire da un video di Shlomit Malka. La giovane modella racconta la sua breve storia che serve principalmente a lanciare un casting della casa di intimo. L’obiettivo è quello di invitare altre ragazze a pubblicare un video con l’hashtag #ImAStory. La Malka racconta di essere nata a Tel Aviv 21 anni fa e poi affonda la lama: “Studiavo fisica e volevo fare la ricercatrice. Poi un giorno un amico di un’amica ha messo una mia foto sui social media ed eccomi qua: sono il nuovo volto di Intimissimi". Apriti cielo!

Il web tutto si mobilita contro la modella per caso. A far saltare i nervi non è tanto la classica storiella della strafiga di turno che diventa il volto di punta di una campagna mondiale con la stessa facilità con cui la maggior parte della gente si siede sul divano. È il messaggio che passa: “ricercatrice? Beh, forse. Ma vuoi mettere modella?!”. La cultura viene battuta dall’estetica del consumismo. Corpo femminile 1, mente delle donne 0. E allora c’è gente che proprio non ci sta…

La fan page del brand viene sommersa da insulti e commenti sarcastici come: “Insomma, il messaggio di fondo è e rimane: a che serve studiare? Tristeeeeeezzaaaaaaaaa perfavore vai viiiiiiiiaaaaaaaa” o “Noi che non siamo nate con un corpo da sirena e un volto divino, noi che ci teniamo di più a finire l’università o raggiungere il lavoro dei nostri sogni, noi compriamo le mutande e i reggiseni. Se volete parlare a noi, non prendeteci in giro”. E intanto l’azienda ha dovuto modificare un post. Shlomit smette di voler fare la ricercatrice e dichiara di aver finito il servizio di leva obbligatorio 12 mesi prima.

lei.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017