Excite

Come scegliere il reggiseno perfetto

Il reggiseno. Un capo che esalta la sensualità femminile e accende le fantasie degli uomini. Ma non solo. Questo accessorio intimo è anche un prezioso alleato per la nostra forma fisica e la salute. Lo sanno bene le sportive che scelgono modelli strutturati, in grado di sostenere il seno mentre si corre o si salta e proteggerlo da eventuali shock da contatto, e le signore con problemi di postura, che molto spesso ricorrono a bustier sartoriali o addirittura ortopedici per liberarsi dal maldischiena.

Tuttavia, nonostante l'indubbia importanza del reggiseno, molte donne non sanno scegliere il modello più adatto alle loro esigenze o, addirittura, decidono di non indossarlo. Una tendenza molto diffusa tra le celebreties: tra le sostenitrici del nude look si annoverano infatti nomi come quello di Hayden Panettiere, Jennifer Aniston e Vanessa Hudgens. Ma in questo caso è meglio non copiare la moda delle star. Secondo una ricerca del dipartimento di Scienze Sportive dell’Università inglese dell’Hampshire portare un reggiseno sbagliato o, peggio ancora, farne a meno provoca gravi danni al seno e al busto.

L'intimo Yamamay, una primavera di colori

A questo proposito, qualche tempo fa l'azienda inglese Shock Absorber - specializzata in lingerie femminile sportiva e fornitrice della nazionale italiana di pallavolo - ha realizzato un video dimostrativo dove, inserendo la propria misura di coppa e indicando il tipo e la frequenza di attività fisica svolta, era possibile osservare gli effetti della corsa su un seno nudo, protetto da un reggiseno tradizionale e da uno strutturato e vedere i danni delle sollecitazioni non solo quando non si indossa nulla, ma anche quando si veste un modello sbagliato.

Assodato che il reggiseno è un indumento assolutamente necessario, come si fa a scegliere quello più adatto alle proprie caratteristiche ed esigenze? Per prima cosa è fondamentale verificare se la taglia che indossiamo è quella giusta e per farlo dobbiamo misurare con un metro da sarta l'ampiezza del torace appena sotto il seno e la circonferenza del seno stesso. Confrontando queste due misure con i dati di apposite tabelle che possiamo trovare online conosceremo con esattezza la taglia e la coppa.

Bianca Balti per Intimissimi

Una volta in possesso di queste informazioni, dobbiamo valutare con onestà com'è il nostro seno e scegliere il modello in base alla conformazione. Se siamo prosperose vanno bene reggiseni con fascia sottoseno e coppe a tre spicchi, cioè con una doppia cucitura che le rinforza e conferisce al seno una forma più tonda. Con ferretto o no, l'importante è che sostenga bene e che non "pesi" sulle bretelline, con il rischio di tensioni per la muscolatura di collo, spalle e schiena. Se invece siamo "piattine" possiamo valorizzarci con modelli a balconcino o push up, ma sempre senza esagerare con l'effetto "strizzato" perché, come detto, una taglia più piccola non solo non serve a nulla ma fa pure male alla salute. Ovviamente, se facciamo sport è d'obbligo il reggiseno strutturato con spalline larghe.

Per quanto riguarda i materiali, in generale quelli che si trovano oggi in commercio sono tutti di buona qualità e non provocano allergie, ma anche in questo caso un po' di buon senso non guasta. Se facciamo un'attività che ci fa sudare molto o se, semplicemente, abbiamo una sudorazione abbondante, meglio scegliere tessuti naturali o modelli specifici con inserti traspiranti. In tutti gli altri casi... Via libera alla fantasia!

 (foto © Intimissimi - Facebook Official Page)

lei.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017