Excite

"I Love Shopping" il film

Uscirà oggi nelle sale di tutta Italia il film più fashion del 2009: I Love Shopping", tratto dall'omonimo best seller di Sophie Kinsella, di cui già vi avevamo anticipato qualcosa tempo fa e che abbiamo avuto il piacere di vedere ieri in anteprima, è un film divertente, frizzante e assolutamente da non perdere, ma soprattutto rende giustizia, seppur con taglio originale, alla celebre saga della mitica Rebecca Bloomwood, come poche pellicole tratte da libri di successo riescono a fare.

> Guarda alcune foto tratte dal film "I Love Shopping" con l'attrice Isla Fisher nei panni di Becky

Da premettere che "I Love shopping" - il film, è assolutamente una traduzione piuttosto libera dei primi due romanzi di Kinsella (I Love Shopping e I Love Shopping a New York), in cui anche il look dei personaggi rispecchia ben poco quello che tutte le fans e lettrici avrebbero probabilmente immaginato: troppo eccentrica Isla Fisher nei panni di Becky, con mise spesso improponibili che a volte sfiorano il ridicolo apparendo una assurda 'accozzaglia' di colori; assolutamente troppo carino Tarquin, il cugino 'ossuto' e brutto della migliore amica e coinquilina di Rebecca, Suze; forse troppo giovane e sorridente Luke Brandon, piuttosto 'cafoni' i genitori di Becky, mentre l'unica che rispecchia l'estetica del personaggio del libro di Kinsella è decisamente 'Alicia dalle gambe lunghe'.

Ciò detto, va al film "I Love Shopping" il grande merito di essere riuscito a trasporre sullo schermo la vera 'anima' di Rebecca Bloomwood, impresa non facile: una ragazza maniaca dello shopping (frequenta addirittura un gruppo di recupero per affetti da shopping compulsivo!), imprudente, ingenua, originale, ma assolutamente dolce, romantica, affascinante, di sani principi e nobile d'animo.

Le scene più esilaranti di "I Love Shopping" - il film, sono senza dubbio l'assalto alla svendita di grandi firme con rissa finale che scatena Isla Fisher alias Becky per un paio di stivali di Pucci, perfettamente tratta dal libro di Kinsella, e il 'ballo scoordinato e imbarazzante con ventaglio' di Rebecca e Luke Brandon, quest'ultimo interpretazione libera del regista.

Tantissime, ovviamente, le griffe citate nel film di "I Love Shopping": Pucci, come già detto, Yves Saint Laurent in tutte le salse, Burberry, Prada prescelto da Becky per acquistare l'abito di Luke Brandon, Gucci, Christian Louboutin, Roberto Cavalli (che 'sa leggere nel pensiero') e poi la mitica griffe di fantasia 'Denny & George' (molti ritengono sia in verità Dolce & Gabbana), marca della famosa e costosa sciarpa verde che nel film assume un ruolo ancor più centrale che nel libro. Impossibile infine non notare che la rivista di moda 'ALETTE' per cui Rebecca Bloomwood sogna di andare a lavorare, è una evidente citazione del magazine ELLE, di cui riprende palesemente il format dei caratteri stampa.

Unica pecca nel film "I Love Shopping" forse l'eccessivo e utopico bonismo con il quale Isla Fisher rifiuta la proposta di lavoro di Alette Naylor, ma se un simile affronto l'abbiamo perdonato ad Anne Hathaway ne "Il Diavolo veste Prada", sicuramente riusciremo ad accettarlo anche dalla diverte e dolcissima Rebecca Bloomwood.

lei.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017