Excite

Gisele Bundchen presenta Benjamin Rein

Una cover dal fascino retrò, romantica, delicata, che sembra venir fuori dagli archivi di almeno vent'anni fa: così Anna Wintour vuole il ritorno di Gisele Bundchen in copertina, affidando gli scatti per il servizio fotografico edito sul numero di aprile 2010 di Vogue America, all'obiettivo esperto di Patrick Demarchelier.

Le foto di Gisele Bundchen su Vogue US aprile 2010

Un servizio titolato 'Madre terra' per sottolineare il grande attaccamento all'ambiente e alla natura che ha sempre contraddistinto la splendida Gisele. E che l'ha accompagnata anche in questa fantastica fase della sua vita, che la Bundchen ha deciso di vivere senza antidolorifici o medicinali di sorta, in maniera del tutto naturale, per poter assaporare 'l'esperienza della trasformazione'.

Cosi' yoga, meditazione, armonia, vita assolutamente sana e priva di stress prima della gravidanza e un parto in acqua, a casa, per far venire alla luce il piccolo Benjamin Rein. Chiamato così anche in omaggio al nonno, il padre di Gisele Bunchen, di nome Reinoldo.

In verità però la modella aveva pensato inizialmente di chiamare il suo primogenito River 'perché volevo qualcosa di fluente, immortale' ma il marito Tom Brady è stato categorico: 'Non c'è la minima possibilità che lo chiameremo River'. Così Gisele ha rinunciato al suo proposito e insieme hanno scelto un nome meno singolare. Queste e tante altre interessanti rivelazioni della Bundchen sono racchiuse nella lunga intervista pubblicata su Vogue America, che potete leggere in versione integrale sul sito ufficiale.

 (foto © vogue.com)

lei.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017