Excite

Sei una fashion victim? Se fai almeno 5 di queste cose decisamente sì!

di Simone Rausi

Avete un altarino dedicato ad Enzo Miccio in cameretta? Abbinate i collant all’ombretto? Vi privereste del pane per un paio di scarpe e sapete bene che una suola rossa non è un semplice elemento decorativo? Siete sulla strada che vi porterà ad essere delle fashion victim. Ma non basta. Qui di seguito troverete 10 comportamenti abituali di una fashion victim seriale. Non abbiate timore ad arrivare in coda alla gallery e tenete il conto: se almeno cinque di questi vi si adattano perfettamente siete a un passo dal chiamare la fashion police. Partiamo da...[(continua nella prossima foto]

LA CABINA ARMADIO Voi non riponete i vestiti nei cassetti (orrore!) e non stipate gli indumenti dentro claustrofobici armadi a due ante. Voi avete una cabina armadio. Un vano (che se fosse per voi potrebbe espandersi invadendo bagno e cucina) in cui entrare, meditare, riflettere, fare oculate scelte e godere di cotanta bellezza. Ovviamente tutto è ordinato per gradazioni di colore, tessuti, occasioni, fasce orarie del giorno, valore, vestibilità. Se non avete una cabina armadio perché vivete in un sottoscala o semplicemente vostra madre non vi ha permesso di abbattere un muro portante ma la desiderate con tutte voi stesse fa lo stesso. Vale comunque.Leggi anche "Le 10 regole per l'armadio perfetto"
VOGUE E’ IL TESTO SACRO Qualcuno si rifà al Corano, c’è chi legge la Bibbia. Punti di vista. Voi, ogni sera, prima di andare a letto, vi regalate un redazionale di un fashion editor sperando che nel sonno vi appaia Anna Wintour rivelandovi il terzo segreto di Fatima (dove Fatima è la nuova modella di Armani che sa sempre cosa mettere).
VOGUE E’ IL TESTO SACRO Qualcuno si rifà al Corano, c’è chi legge la Bibbia. Punti di vista. Voi, ogni sera, prima di andare a letto, vi regalate un redazionale di un fashion editor sperando che nel sonno vi appaia Anna Wintour rivelandovi il terzo segreto di Fatima (dove Fatima è la nuova modella di Armani che sa sempre cosa mettere).
COSA VUOL DIRE COLLEZIONE? C’è chi colleziona francobolli, chi farfalle, chi figuracce ma per voi la parola collezione non ha alcun senso senza i nomi di due stagioni accanto. Collezione primavera-estate. Ok, ora si che fila. Vivete in un continuo jet lag, come se la vostra vita fosse tutta un volo Jakarta-Boston, perché nonostante la gente addobbi l’albero voi sapete già tutti i dettagli della stagione primaverile e mentre la gente sfoggia i costumi conoscete a menadito i trend in materia di sciarpe. Tutte le ultime collezioni
I SALDI Man mano che si avvicina il giorno di partenza diventate più tese. La mattina siete in iperventilazione, nascondete l’ansia ma non pensate ad altro per settimane, avete risparmiato da mesi e con quello che avete messo da parte potreste comprarvi uno scooter. È l’unico giorno in cui è concesso vestirsi comodi: dovete correre, essere agili, non sentire la fatica.
I VOSTRI DIECI MINUTI Avete presente quelle persone che impiegano dieci minuti, un quarto d’ora massimo per prepararsi? Beh, certo che no! Avete avuto la tentazione, più di una volta, di prendervi un giorno di ferie, solo per prepararvi prima di una tale festa. Avete bisogno dei vostri tempi, che sono lunghi e dilatati. Uscite i vestiti, provate le accoppiate, vi moltiplicate allo specchio centinaia di volte ma alla fine siete sicure. Avete fatto la scelta giusta, i colori sono abbinati e il vostro appuntamento – presumibilmente – è saltato.
I VOSTRI DIECI MINUTI Avete presente quelle persone che impiegano dieci minuti, un quarto d’ora massimo per prepararsi? Beh, certo che no! Avete avuto la tentazione, più di una volta, di prendervi un giorno di ferie, solo per prepararvi prima di una tale festa. Avete bisogno dei vostri tempi, che sono lunghi e dilatati. Uscite i vestiti, provate le accoppiate, vi moltiplicate allo specchio centinaia di volte ma alla fine siete sicure. Avete fatto la scelta giusta, i colori sono abbinati e il vostro appuntamento – presumibilmente – è saltato.
SCARPE Quante scarpe avete da parte? Se il numero è composto da due cifre di cui la prima è uguale o maggiore di 2 avete trovato il risultato dell’equazione della moda: siete drogate di scarpe. Ce le avete di ogni gradazione di colore, per ogni occasione, con qualsiasi tipo di tacco. Andate troppo fiere di questa collezione. Se vi dicessero di sceglierne solo un paio da prendere prima che la casa vada a fuoco rischiereste di bruciare.
IL KIT DI SOPRAVVIVENZA Sapete perfettamente cosa mettere nella vostra borsa per non farvi trovare impreparate di fronte a nessuna occasione. Esce fuori un aperitivo a sorpresa? Avete quel foulard che vi impreziosisce in un lampo. Siete state ad un riunione ma ora avete una cena informale? Saprete tirare fuori l’accessorio giusto in grado di sdrammatizzare il vostro look.
LE ETICHETTE Quello che per il resto della popolazione è solo un’etichetta per voi è un manuale di stile e sopravvivenza. Ci sono sigle, simboli e icone che per il vostro fidanzato sono indecifrabili come i geroglifici della Stele di Rosetta ma per voi no. Conoscete tutti i segreti dei materiali, le produzioni e le istruzioni di lavaggio.
SIETE IN BOLLETTA Una vera fashion victim si veste come una diva di Hollywood ma non c’ha mai na lira. Avete sperperato tutto quello che avevate per vestiti e accessori. Se qualcuno facesse il totale di quanto avete speso negli ultimi anni arriverebbe a trovare la stessa cifra del Pil dell’Etiopia. Ma sapete ricominciare e per la prossima stagione avrete comunque un buon tesoretto.
I TAGLIANDINI Nel vostro armadio (pardon, cabina armadio) c’è sempre qualche capo con ancora l’etichetta. Vi piace sentire quell’odore di nuovo, percepire quel brivido che solo un capo non ancora indossato può darvi. E ogni volta che con la forbicina tagliate il tagliandino una piccola parte di voi muore segretamente all’interno in un turbinio di emozioni contrastanti che vanno dalla tristezza all’euforia, dalla gioia al rimpianto.
I TAGLIANDINI Nel vostro armadio (pardon, cabina armadio) c’è sempre qualche capo con ancora l’etichetta. Vi piace sentire quell’odore di nuovo, percepire quel brivido che solo un capo non ancora indossato può darvi. E ogni volta che con la forbicina tagliate il tagliandino una piccola parte di voi muore segretamente all’interno in un turbinio di emozioni contrastanti che vanno dalla tristezza all’euforia, dalla gioia al rimpianto.

lei.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017