Excite

Fashion blogger accusata di furto di vestiti: la verità

  • Facebook

La notizia della fashion blogger accusata del furto di vestiti è stato un piccolo-grande caso del weekend: troppo ghiotta per non parlarne, ma anche pericolosamente a rischio sensazionalismo. Come in effetti è successo, con l'aggravante del coinvolgimento di una 'collega' della vera - o presunta tale - responsabile, che in un battito di ciglia si è vista additare come 'ladra', con tanto di fotogallery su una delle principali testate del paese. Ma come sono andate davvero le cose?

Lo scoop della fashion blogger con il vizietto del furto esce sabato pomeriggio, su Il Corriere della Sera. La versione online del quotidiano dà ampio risalto alla vicenda e scrive subito in apertura di pezzo nome e cognome della persona coinvolta, indicando un blog e una pagina Facebook. Peccato però che cliccando sui due link evidenziati salti subito all'occhio che si tratta di due 'prodotti editorali' diversi, uno a firma di Veronica Beretta e l'altro di O.C., con anche due nomi diversi: Glam|Tagonist e The Little Black Dress. Ora, quale fashion blogger disperderebbe traffico e creerebbe confusione sulla propria identità scegliendo di sdoppiarsi? Nessuna, ma se una cosa simile è evidente a chi bazzica la rete e i fashion blog, altrettanto non può dirsi di chi invece si ritrova a occuparsene per caso.

Ad ogni modo, basterebbe spulciare nei due siti (sì, perché dalla pagina Facebook ovviamente si viene reindirizzati al sito) per capire che si tratta di due persone diverse. La fashion blogger coinvolta nel fattaccio - come sarà chiarito in seguito - è O.C, di The Little Black Dress, mentre Veronica Beretta, Glam|Tagonist, non c'entra nulla (a meno che non si voglia considerare il fatto che ricercando il nome della prima e il blog della seconda, la prima stringa di ricerca che esce su Google è un link che rimanda a un progetto di Olivia Alexandra al quale Veronica ha dato visibilità sul suo sito...). Peccato per Veronica, però, che nel mentre la gogna mediatica si sia già scatenata contro di lei: avvisata da un amico, la giovane corre ai ripari pubblicando un post sul profilo Twitter di Glam|Tagonist e un altro sul blog in cui spiega il misunderstanding e dice di aver già dato tutto in mano a un avvocato.

Finita qui? Decisamente no. Come riporta infatti in un accuratissimo post sul suo blog Maurizio Galluzzo, Il Corriere della Sera - che è poi la fonte da cui la notizia è stata rilanciata un po' da tutti, anche se, per dire, era presente pure su LaPresse, scritta con toni da 'nuda cronaca' - aggiorna in corso d'opera l'articolo, correggendo il tiro, rimuovendo la fotogallery sbagliata (e mettendo l'immagine della blogger giusta) e cambiando i dettagli, senza però mai scusarsi con la persona ingiustamente coinvolta, nonostante le molteplici segnalazioni della rete. La rettifica con tanto di scuse, specifica Galluzzo, arriva poi solo 6 ore dopo la pubblicazione della prima versione del pezzo, alle 22.45.

A questo punto è davvero finita, allora? Ebbene no. Già, perché in tutto questo, che fine ha fatto la vera - presunta - ladra di vestiti? O.C, come lei stessa scrive sul suo blog (che tra l'altro è online da un solo anno e ha 287 follower su Facebook, quindi di certo non è quello di una protagonista della rete, che detta legge in fatto di stile) la sera di sabato, anziché preoccuparsi delle accuse che le piovono addosso da ogni lato, va a cena a "testare il ristorante che troverete nel post di domani". Un'attività "più divertente", come la definisce che non sembra per nulla preoccupata del polverone che si è sollevato intorno a lei, anzi: "Buona domenica a tutti dal blog piú cliccato del web!", scrive nel post con il quale dovrebbe chiarire la sua situazione. Dovrebbe, perché invece l'autrice di The Little Black Dress, anziché mettere in campo avvocati e mostrarsi arrabbiata e amareggiata come la sua collega - ingiustamente coivolta - Veronica, a propria discolpa (?) chiarisce che nessuno dei capi che è stata accusata di rubare è in vendita (o lo è mai stato) sul suo sito, con tanto di elenco. E la questione per lei è chiusa. Ma non per chi adesso si chiede chi diamine ha rubato cosa e quando...

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019