Excite

Divorziate? Ditelo con il divorce-ring

In principio era il Claddagh Ring. La celebre fede irlandese formata da due mani che tengono un cuore sormontato da una corona e che, a seconda di come è indossato, indica che si è single oppure in coppia. Poi è stata la volta dell'anello-semaforo che, fedele all'oggetto della sua ispirazione, accendeva la luce verde o rossa (e talvolta gialla) per dare l'ok o respingere un corteggiatore.

Eva Longoria testimonial della nuova campagna Salvini

Oggi, invece, tocca al divorce-ring che, come dice la parola stessa, rende pubblico lo status delle neo singles. Ideato dall'azienda newyorkese Spritzer and Furman, l'anello da divorzio è realizzato in oro 18 carati e diamanti con taglio a brillante. La forma è quella di una fede classica con un cuore 'spaccato' a metà da una saetta (o una lama, a seconda di come la si vuole vedere).

In vendita sul sito di e-commerce dell'azienda a 3.200 dollari (circa 2.350 euro), il divorce-ring è già diventato uno status symbol di tutte le singles di ritorno d'oltreoceano, che lo ostentano come un trofeo della propria emancipazione e del proprio 'potere' femminile. Tuttavia, anche le più incallite sostenitrici del girl-power qualche riserva ce l'hanno.

Smaltita la delusione per il matrimonio andato a rotoli e sbollita la rabbia nei confronti dell'ex marito e del genere maschile tutto, indossare il divorce-ring può essere controproducente nel caso in cui si volessero ricevere le attenzioni di un nuovo uomo: ostentare che si è già state sposate, che si è divorziate e che anziché piangere sul latte versato si è orgogliose di quanto fatto al punto di dichiararlo con un anello... Be', alzi la mano chi conosce un maschio tanto progressista da non scappare a gambe levate!

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017