Excite

'Das Putas', lo stile non è per bene

Alla faccia dei perbenisti. In Brasile spopola una nuova linea di moda che si chiama 'Daspu', diminutivo pudico per 'Das Putas' che si può tradurre alla lettera con 'Delle Puttane'. Una collezione pensata da uno stilista misogino? O l'idea goliardica di qualche atelier in cerca di pubblicità? Niente di tutto ciò: la creativa che si cela dietro questo marchio è una ex signora di strada, Gabriela Leite, che abbandonata la professione si è reinventata designer di moda.

La moda che fa bene: l'Oréal per la ricerca sul tumore al seno

E non solo. Per lo spirito di sorellanza che da sempre unisce le meretrici verdeoro, la Leite ha coinvolto nel suo progetto altre ex colleghe che di mestiere fanno ancora le prostitute ma che all'occorrenza indossano le creazioni dell'amica e sfilano in passerella. Risultato: senhoras della media e alta borghesia letteralmente pazze per i modelli e défilé da tutto esaurito. A questo punto però una domanda è lecita: come sono gli outfit dell'intraprendente Gabriela? Se state pensando a chissà quale innovazione di stile, vi sbagliate di grosso: i capi proposti sono sdruciti, cortissimi o scollatissimi, ispirati a quella lingerie che nell'immaginario comune è associata ai bordelli e volutamente espliciti. Ma proprio qui sta l'intuizione geniale che ha decretato il successo di 'Daspu': sdoganare questi vestiti ha avvicinato due mondi che altrimenti non si sarebbero mai incontrati, dando nuova dignità a quello delle prostitute e levando la maschera dell'ipocrisia e dell'alterigia da quello delle signore bene.

Ma l'atelier di via Santa Teresa a Corcovado non si limita solo a ospitare dame chic che hanno voglia di provare un brivido facile e non si accontenta del risultato sociale ed economico raggiunto. 'Daspu' è infatti anche beneficenza e assistenza, con programmi per sensibilizzare al rischio delle malattie sessualmente trasmissibili e per aiutare le donne che vogliono abbandonare la strada. E non solo: l'incredibile fama del marchio e la sua longevità - sono ormai sei gli anni di attività - hanno convinto l'università di Belo Horizonte a formare una partnership con il brand per studiare a fondo i meccanismi che ne hanno decretato il successo.

 (foto © Daspu)

lei.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017