Excite

Cappotti corti: come sceglierli

  • Foto:
  • Sisley.com

Quali sono i cappotti corti da privilegiare? È chiaro che a seconda della corporatura e delle proprie caratteristiche, è necessario tenere conto di alcuni parametri nel momento in cui si procede all’acquisto di un cappotto corto.

Cappotti aderenti

Per esempio, una donna non molto alta deve optare per un cappotto che risulti piuttosto aderente, mentre deve evitare nella maniera più assoluta i piumini e tutti quei giubbotti che risultino troppo voluminosi: l’unico effetto sarebbe quello di apparire più grasse. Una ragazza con le spalle larghe deve accompagnare il cappotto corto con un poncho o una mantellina, cha cadano sulle spalle e in qualche modo le addolciscano. Devono essere banditi, invece, tutti i cappotti troppo stretti in vita, che se da una parte valorizzano il girovita, dall’altra danno troppo risalto alla larghezza delle spalle.

No ai bottoni centrali

E' oppportuno mettere in evidenza che chi è molto alta deve evitare cappotti con i bottoni centrali, perché come effetto aumentano l’impressione di altezza. Per quel che concerne la silhouette, una donna che deve fare i conti con qualche chilo di troppo dovrà senza dubbio scegliere un cappotto corto con la zip e abbottonato al centro, con impunture ben visibili e in generale linee verticali per slanciare il più possibile. Vietate, invece, le stampe orizzontali, che non fanno altro che ingrassare.

Sì alle spalline

Allo stesso modo, è consigliabile optare per le spalline, che attirano l’attenzione sulla parte alta del corpo. Una donna piccola e magra, infine, potrà portare praticamente tutto, piumini compresi, senza particolari problemi.

lei.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017