Excite

Anna Wintour ambasciatrice per Barack Obama?

  • Getty Images

Che cosa dirà Michelle, ora che il mondo conosce la bruciante passione del suo Barack per un'altra donna? Già, perché ambienti vicini a Mr. President hanno 'spifferato' che Obama vorrebbe insignire del titolo di ambasciatrice USA niente meno che Anna Wintour, la potentissima e temutissima direttrice di Vogue America. Oltre che - incidentalmente - principale sostenitrice del candidato democratico alla Casa Bianca, per la cui campagna si sussurra abbia raccolto una cifra a molti, molti zeri.

Anna Wintour e le pellicce, una grande passione: le foto dei look

Insomma, verrebbe quasi da dire che quello di Obama è il più classico dei pensieri per 'sdebitarsi', se non fosse che non si sta parlando di un mazzo di fiori o - visto che di alta società si tratta - di un collier di diamanti, bensì di un ruolo chiave di rappresentanza in uno di quelli che, a oggi, sono due dei più importanti Stati del Vecchio Continente: Regno Unito e Francia.

Anna Wintour, le foto della direttrice di Vogue America

Boutade? A quanto pare no. Conferme alla notizia, infatti, sarebbero arrivate dall'entourage del presidente alla Casa Bianca e anche dall'autorevole sito d'informazione americano Bloomberg, che avrebbero accreditato la tesi di una Anna Wintour ambasciatrice oltreoceano della storia, della cultura e, soprattutto, dello stile a stelle e strisce. Del resto, dalla direttrice della più importante e autorevole rivista del fashion, oltre che icona mondiale della moda, non ci si potrebbe aspettare altro.

Ma mentre c'è già chi fantastica di un completo restyling di residenze e personale dell'ambasciata USA (inglese o francese, poco importa), di ricevimenti da favola e di una serrata competizione a colpi di charme con le altre diplomazie, in primis quelle europee, a quanto pare Miss Wintour avrebbe declinato graziosamente l'offerta del presidente, preferendo di gran lunga la poltrona di editor in chief di Vogue America a quella di ambasciatore in un qualche sconosciuto (seppur lussuoso) palazzo della Vecchia Europa.

Barack Obama, dunque, dovrà trovare un altro modo per esprimere ad Anna Wintour la sua riconoscenza per gli oltre 40 milioni di dollari di fondi raccolti a colpi di ricevimenti e party da 35-40 mila dollari e per il sostegno - prezioso, in ogni senso della parola - dei tantissimi e influenti amici della direttrice. Di sicuro, intanto, Matthew Barzun (organizzatore e regista della campagna presidenziale) e Marc Lasry, fondatore di Avenue Capital Management, tirano un sospiro di sollievo: a uno dei due, infatti, l'editor in chief di Vogue America avrebbe 'soffiato' il posto, con buona pace dei meriti acquisiti sul campo. Anche se, a bene pensarci, con le sue conoscenze, la sua influenza e, più di tutto, il suo proverbiale temperamento, Anna Wintour avrebbe potuto essere un ottimo ambasciatore. Forse solo un tantino 'aggressivo' per un ruolo tendenzialmente di pace...

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019