Excite

Alta Moda Roma: l'eleganza di Sarli e l'ambientalismo di Gattinoni

L'Alta Moda Romana apre i battenti con due maestri d'eccezione, Sarli e Gattinoni, entrambi creatori di uno stile originale e ricercato ispirato all'arte il primo, all'ambientalismo il secondo.

Guarda le immagini della sfilata di Fausto Sarli

Guarda le immagini della sfilata di Gattinoni

Fausto Sarli affascina immediamente il pubblico dell'Auditorium con un nudo femminile ispirato alla Venere dormiente del Giorgione che prelude ad una sfilata ricca di contaminazioni artistiche e letterarie di matrice Tardo Gotica; la bellissima modella Elizabeth Kinnear ricoperta solo da diamanti bianchi e gialli di Damiani (di 50 carati e dal valore approssimativo di 1 milione di euro), è l'immagine da sogno, il rito d'iniziazione di una sfilata che promette di essere un viaggio nell'aristocratico mondo dell'eleganza culturale italiana di cui fu emblema la splendida Beatrice D'Este. Sulle note de La Primavera di Vivaldi sfilano con estrema grazia le modelle, presentandosi in tailleurs dai tessuti grezzi ma dal taglio ricercato per il giorno, in impalpabili camicette di chiffon per il cocktail, in abiti affusolati per la sera e dalla sinuosa linea a sirena con strascichi e fiocchi d'organza per la mise da sposa.


Guillermo Mariotto per Gattinoni sfida il genio di Sarli con una collezione primavera-estate ispirata all'Uomo, la Donna, l'Ambiente. Quarantatre abiti si susseguono sulla terra bianca, incontaminata, base dell'installazione tridimensionale dell'artista Federico Paris, allestita per l'occasione nel palazzetto dello Sport. I tessuti sono biocompatibili, bioetici e biodegradabili: lino, cachemire, juta, cotoni organici già naturalmente colorati, organza satinata dipinta a mano, ricami fatti di materiali riclicati come scarti di ferramenta e ritagli di atelier. La parola d'ordine di Gattinoni è armonia: armonia tra uomo e natura derivante da una continua e reciproca metamorfosi ed equilibrata osmosi. A questa trasmutazione partecipano ovviamente anche gli accessori: gioielli e borse create da Grazia Borghese per la maison sono nient'altro che conchiglie, zucche e pietre preziose reinventate e sensibilmente lavorate.
Il pezzo forte della collezione è però l'abito da Bio-sposa, realizzato con Ingeo fiber, una fibra di base naturale interamente ricavata da una risorsa rinnovabile, innovazione tecnologica responsabile che si deve alla Ingeo™.

Due diversi modi di intendere l'Alta Moda, dunque, ma entrambi affascinanti, privi di provocazione e carichi di significato: è la primavera-estate di Sarli e Gattinoni per l'Haute Couture della tradizione made in Italy.

lei.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017